L'aziendaArea DocumentaleApprofondimentiNovitàFaqContatti
Copyr igene ambientale Copyr igene ambientale

Ricerca Infestante

In questa sezione sono raccolte le informazioni scientifiche degli infestanti.
In particolare ciascun infestante è presentato secondo la classificazione tassonomica, la descrizione morfologia, la biologia e il comportamento, gli ambienti frequentati e i danni che può causare in caso di diffusione. 

 

Elenco infestanti ::: industrie, locali di produzione, locali di stagionatura ::: Farfalline / Tignole

Farfalline / Tignole

Ephestia kuehniella Zeller Tignola grigia della farina

Ordine: Lepidoptera | Famiglia Pyralidae

Descrizione morfologica

Adulto
Corpo grigiastro, antenne lunghe e sottili, ali anteriori grigiastre con striature più scure trasversali e parallele, apertura alare 2-2,5 cm, lunghezza 1-1,5 cm, zampe grigie, lunghe.
Antenne lunghe e filiformi, capo piccolo con i palpi portati in avanti.

Uovo
Molto piccolo (0,5 mm), di forma ovale, leggermente a punta, bianco-grigiastro, la superficie mostra rilievi a stella. Difficile da individuare a occhio nudo.

Larva
Capo bruno-rossastro, corpo bianco-rosato nella neonata poi bianco-giallastro. Macchia toracica e anale bruno-rossastre; base delle setole marrone scuro e ben evidente. Apparato boccale masticatore con struttura in grado di produrre bave sericee.

Crisalide
Tipica dei Lepidotteri, allungata con l'estremità in corrispondenza dell'addome a punta, si notano in rilievo le strutture del futuro adulto (occhi, antenne, zampe).

Biologia e comportamento

La femmina depone le uova (da 100 a 500) nelle fessure o direttamente sulla farina, le larve producono dei fili sericei entro cui inglobano cibo, esuvie, insetti morti, .... La crisalide si trova riparata in un doppio bozzolo di seta, di cui quello esterno ingloba escrementi. Gli adulti sono attivi di notte, amano le zone ombreggiate e più calde (soffitti e le prese di farina). La specie compie da 1 a 5 generazioni all'anno. Polvere di farina, crusca e granaglie sparse possono essere focolai di infestazione. La tignola presenta numerosi nemici naturali.

Ambienti frequentati

industrie, locali di produzione, locali di stagionatura

Materiali attaccati

Le larve attaccano farine, cereali, frutta secca, cioccolato, prodotti da forno, leguminose da granella; sono in grado anche di forare alcuni tipi di imballaggi.

Note

È stata rinvenuta anche sulle navi.

Immagine Principale

Danni

Il danno non consiste tanto nell'asportazione di materiale ma nella produzione di seta che ingloba deiezioni, esuvie, insetti morti, ...
I sintomi degli attacchi da parte di E. kuehniella sono facilmente identificabili proprio dalla presenza di bave sericee sui cumuli di cereali, tra la frutta secca e nei macchinari di ogni tipo.
L'abbondante produzione di seta causa enormi danni alle attrezzature che spesso si intasano e che, per essere bonificate, vanno smontate e pulite accuratamente con mezzi meccanici, poiché le sete sono ben adese alle varie parti e per asportarle non è sufficiente neanche un potente getto d'aria.